progettoHome

   HOME – House of Memory & Engagement è un progetto integrato di didattica del Polo del ‘900, sviluppato insieme alla Fondazione Istituto piemontese “Antonio Gramsci” di Torino. Nato nel 2016 a partire da Casa Gramsci: uno spazio per restituire alla città una memoria sopita e per riattualizzare il pensiero gramsciano. Nel corso degli anni si è evoluto proponendo concorsi artistici da inserire nel piano didattico per le scuole torinesi.

Concorso artistico

“Rileggere Gramsci dopo il Covid19”

Per l’anno 2021 il progetto presenta l’idea di un concorso artistico rivolto agli studenti delle Scuole Secondarie, delle Accademie e degli Istituti Superiori di Design con la finalità di rileggere le opere dell’intellettuale Antonio Gramsci, come stimolo e punto di contatto tra le molteplici espressioni artistiche. Propone la terza edizione Reloaded – Rileggere Gramsci dopo il Covid19” come opportunità di collaborazione tra le diverse discipline di studio, ricercando quell’unione e quello scambio identitario che la recente pandemia ha fortemente messo in discussione. Rileggere le Lettere dal carcere di Gramsci, sarà un incentivo per esprimere in forma letteraria e artistica, quella sorta di reclusione che ognuno di noi ha sperimentato durante il lockdown.

formazione

Ai fini dell’ammissione al concorsoai giovani artisti verrà richiesta la partecipazione
a seminari formativi organizzati dalla Fondazione.Saranno messi a disposizione dei partecipanti materiali audiovisivi di approfondimento unitamente a un kit bibliografico.

obiettivi

Il progetto ha l’obiettivo, attraverso le parole e la storia di Gramsci, di stimolare e promuovere la produzione artistica e culturale di altri giovani studenti di oggi. Il concorso ha l’obiettivo di reinterpretare alcuni temi trattati da Gramsci nelle sue Lettere dal carcere, caratterizzate da un forte legame con la contemporaneità.

finalità

Esattamente come per Gramsci la scrittura è stata fondamentale per non sprofondare nell’aridità intellettuale e nell’apatia, mantenendo attivo il cervello. Pertanto, la rilettura di Gramsci oggi, si presta alla riscoperta di umanità, sentimenti ed emozioni quali punto di partenza per esprimere il tema del distacco, dei mancati incontri e di come la sopravvivenza intellettiva, possa avvicinare anche quando si è fisicamente lontani.

requisiti

Al bando possono partecipare gli studenti delle Scuole Secondarie, delle Accademie e degli Istituti Superiori di Design.
È ammessa la partecipazione di singoli alunni o di classi. Per la prima volta sarà anche ammessa la partecipazione simultanea alla redazione di un unico progetto di classi di istituti scolastici differenti.

L'ottimismo della volontà

“L’ottimismo della volontà” è il Podcast creato per ascoltare le Lettere dal carcere di Gramsci.

Talmente abituati a poter disporre del nostro tempo, che una limitazione così forte e perentoria,
come l’esperienza vissuta durante il lockdown, ci appare probabilmente più grande.
Ascoltare e leggere le parole di chi, come Gramsci, ha saputo trarre dalla dura esperienza del carcere
ci offre l’opportunità per scrivere, riflettere, disegnare, condividere con amici, parenti, persone vicine, il proprio tempo.

Ogni episodio corrisponde alla lettura di una delle lettere scritte negli anni di prigionia.

Lettura a cura di Pietro Giau;
Selezione lettere a cura di Francesca Chiarotto, Comitato Scientifico della Fondazione Istituto piemontese “Antonio Gramsci”.

Fondazione Istituto piemontese “Antonio Gramsci”

Polo del ‘900 – Palazzo San Daniele
Via del Carmine, 14 – 10122 Torino
didattica@gramscitorino.it
011 839 54 02 (lun. – ven. dalle 9 alle 13)